Putin darà la cittadinanza russa alla popolazione dell’Ucraina occupata

Gli ucraini delle regioni occupate dalla Russia, come Kherson e parte di Zaporiya, potranno accedere alla cittadinanza russa tramite corsia preferenziale, come già avvenuto nelle aree controllate dai separatisti filorussi a Donetsk e Lugansk. Il leader russo, Vladimir Putin, avrebbe firmato un decreto che semplifica il processo di accesso alla cittadinanza e al passaporto russi: i candidati, infatti, non devono necessariamente aver vissuto in Russia o superare un test di russo; né devono fornire la prova del loro reddito, secondo il The Guardian.

Kherson, nel sud, è sotto il controllo delle truppe russe. Zaporiya, nel sud-est, non è del tutto sotto il controllo del Cremlino. In queste zone, il rublo funziona già come valuta di cambio.

Il ministero degli Esteri ucraino ha indicato che questo piano di Mosca viola il diritto internazionale ed è, secondo Kiev, un’ulteriore prova degli obiettivi di guerra “criminale” del Cremlino. “Il rilascio illegale di passaporti è una flagrante violazione della sovranità e dell’integrità territoriale dell’Ucraina, nonché delle norme e dei principi del diritto internazionale umanitario”, si legge in un comunicato ufficiale.

Secondo la deputata ucraina Ivanna Klympush-Tsintsadze, questo decreto “converte l’occupazione in annessione”. Ha aggiunto che le forze russe stanno facendo a pezzi il paese: “prima distruggono e poi rubano i nostri territori e la nostra gente”, ha aggiunto il deputato.

Nel Donbas si sta ora conducendo una battaglia che sia l’Ucraina che la Russia riconoscono sarà cruciale. Il portavoce del ministero della Difesa ucraino Oleksander Motuzyanyk ha dichiarato: “La situazione sul fronte orientale è molto complicata. Il destino del nostro Paese si sta ora decidendo nel Donbas”. Anche le forze russe vedono questa battaglia come decisiva.

La città di Severedonetsk sta subendo i peggiori attacchi di artiglieria, è circondata e rischia di essere completamente distrutta. “Stanno cercando di cancellare Severedonetsk dalla faccia della terra”, ha detto il governatore di Lugansk, Serhyi Haidai, che ha denunciato la mancanza di gas e la carenza di acqua ed elettricità.

Lysychansk, la città gemella di Severedonetsk sul lato occidentale del fiume Siversky Donetsk, incontrerà la stessa sorte. A Donetsk, è la città di Kramatorsk che soffre di più degli attacchi russi.

Secondo il capo dell’intelligence militare ucraina, Kyrylo Budanov, mancano armi pesanti, a causa dei ritardi nell’arrivo degli aiuti militari dall’estero. Il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, insiste in tutti i suoi discorsi sul fatto che hanno ancora bisogno di moltissime armi, in quanto questo è ciò che può fare la differenza per l’Ucraina.

Dopo tre mesi di guerra senza grandi vittorie da rivendicare tranne la costosa cattura di Mariupol, la Russia cerca il dominio totale delle due repubbliche che erano parzialmente sotto il potere dei separatisti filo-russi: Donetsk e Lugansk. Il loro obiettivo è intrappolare le forze ucraine su quel fianco orientale. Per raggiungere questo obiettivo, ha anche compiuto un passo verso la mobilitazione di più truppe: il parlamento russo ha eliminato il limite di 40 anni per l’arruolamento nell’esercito.

Gli ucraini resistono ferocemente. Sperano di resistere e recuperare terreno come hanno fatto di recente nella regione di Kharkov, dove le persone fuggite stanno cominciando a tornare, ma non possono che trovare le loro case distrutte e alcuni dei loro conoscenti morti o feriti.

Secondo fonti ucraine, circa 22.000 persone hanno perso la vita a Mariupol, la città portuale caduta nelle mani dei russi dopo la sconfitta della resistenza all’acciaieria Azovstal e i suoi difensori, detenuti dalle forze russe, rischiano di essere processati come terroristi.

Putin darà la cittadinanza russa alla popolazione dell'Ucraina occupata

Progetti di pace, c’è chi la considera una pura fantasia

Ascoltare il presidente ucraino, Volodimir Zelenski, davanti al Forum di Davos dà un’idea di quanto siano lontani i negoziati di pace. Zelensky ha rivendicato “tutti i suoi territori”, riferendosi alla Crimea e al Donbas annessi sotto il dominio dei separatisti filo-russi nel 2014. Per cominciare, ha esortato il Cremlino a ritirarsi sulle posizioni del 24 febbraio, quando Putin ha ordinato l’invasione dell’Ucraina.

L’ex primo ministro russo Dmitry Medvedev ha affermato che qualsiasi accordo di pace che suggerisca il ritiro della Federazione Russa dalla Crimea sarebbe visto come una minaccia di guerra. E per quanto riguarda l’architettura della sicurezza, la Russia difende la NATO tornando alla situazione del 1997, prima dell’allargamento, il che è inconcepibile.

Zelenski ha insistito sul fatto che l’unità dell’Europa è essenziale per sconfiggere il Cremlino. “La mia domanda è: c’è unità in pratica? Non la vedo. Il nostro grande vantaggio sulla Russia sarebbe quello di essere veramente uniti. Abbiamo bisogno del sostegno di quell’Europa unita”.

Zelensky insiste nel negoziare direttamente con Putin, che dopo aver visitato per la prima volta i feriti all’ospedale Mandryka di Mosca, ha reso loro omaggio come “veri eroi” che hanno rischiato la vita per “i bambini del Donbas”.

Nel frattempo, il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha messo in guardia l’Occidente sulle intenzioni del Cremlino di seminare confusione. Secondo quanto riferito, Mosca si è offerta di sbloccare alcuni porti del Mar Nero in cambio della revoca di alcune sanzioni. Kuleba ha detto che si tratta di un “ricatto” e che chiunque ne dubiti dovrebbe “visitare le tombe dei bambini ucraini” vittime della guerra.

Ore dopo, la portavoce del ministero degli Esteri russo ha demolito il piano di pace che l’Italia ha messo sul tavolo. Maria Zajarova ha definito “pura fantasia” il piano, che ha coinvolto Onu, Ue e Osce come facilitatori di cessate il fuoco localizzati. Secondo Zakharova, “non si possono dare armi all’Ucraina con una mano e proporre una soluzione pacifica con l’altra”. E ha aggiunto: “Se si aspettano che la Federazione Russa aderisca a qualsiasi piano occidentale, non hanno capito nulla”.

Michael Fassbender: fisico, moglie, figlio, altezza, età

Michael Fassbender è un attore irlandese-tedesco che ha conquistato il pubblico con la sua intensa recitazione e il suo fascino magnetico. Nato in Germania...

Ashley Judd: incidente, figli, compagno, altezza, malattia

Ashley Judd un'attrice di fama internazionale, attivista per i diritti umani e donna di grande forza e coraggio. Nata il 19 aprile 1968 a...

Anna Faris: figlio, cicatrice, età, marito, vita privata

Anna Faris è un'attrice, comica, doppiatrice e podcaster americana, nata a Baltimora il 29 novembre 1976. Conosciuta per il suo umorismo ironico e il...

Myss Keta: chi è, età, fidanzato, altezza, fisico

Myss Keta è una rapper e cantautrice italiana che ha conquistato la scena musicale italiana con il suo stile unico e provocatorio. Avvolta nel...

Ultime Notizie