HomeCovid 19Il legame tra COVID-19 e inquinamento

Il legame tra COVID-19 e inquinamento

Alcuni comuni inquinanti atmosferici, come l’ozono troposferico, sono associati a esiti più gravi dopo l’infezione da SARS-CoV-2, compreso il ricovero in unità di terapia intensiva (ICU), secondo una nuova ricerca pubblicata sulla rivista “CMAJ” (Canadian Medical Association Journal).

Per determinare se esistesse un’associazione tra l’esposizione a lungo termine all’inquinamento atmosferico e la gravità del COVID-19, i ricercatori hanno analizzato i dati di tutte le 151.105 persone di età pari o superiore a 20 anni con infezione confermata da SARS-CoV-2 nel 2020 in Ontario, Canada, che non vivevano in una struttura di assistenza a lungo termine.

 Hanno modellato l’esposizione storica a tre comuni inquinanti atmosferici prima della pandemia: il particolato fine (PM2,5), il biossido di azoto (NO2) e l’ozono troposferico (O3). Gli autori hanno ordinato i dati per data di diagnosi, sesso ed età, essere stati parte di un focolaio, stato socioeconomico del quartiere, accesso all’assistenza sanitaria, inclusa la storia della vaccinazione antinfluenzale, precedenti visite ambulatoriali e altri fattori.

Il legame tra Covid-19 e inquinamento 2
Dall’inizio del 2020 ci sono stati molti cambiamenti nel mondo

 

“Abbiamo scoperto che le persone infette da SARS-CoV-2 che vivevano in aree dell’Ontario con livelli più elevati di inquinanti atmosferici comuni (PM2,5, NO2 e O3) erano a rischio elevato di essere ricoverate in terapia intensiva dopo il contagio, anche quando il livello di inquinamento atmosferico era relativamente basso”, scrive il dottor Hong Chen, di Health Canada e ICES, con i coautori.

Hanno anche riscontrato un aumento del rischio di ospedalizzazione con esposizione cronica a PM2,5 e O3 e un aumento del rischio di morte per COVID-19 con esposizione cronica a O3.

Questi risultati si aggiungono alle crescenti segnalazioni che collegano l’inquinamento atmosferico alla gravità del COVID-19 in altri paesi.

“Data la pandemia in corso, i nostri risultati, che sottolineano la relazione tra l’esposizione cronica all’inquinamento atmosferico e l’aumento della gravità del COVID-19, potrebbero avere importanti implicazioni per la salute pubblica e i sistemi sanitari”, scrivono i ricercatori.

Per quanto riguarda i meccanismi di come l’esposizione a lungo termine all’inquinamento atmosferico possa influenzare la gravità di COVID-19, i ricercatori stanno svolgendo ulteriori indagini.

Cinzia Lo Bianco
Cinzia Lo Bianco
Il mio nome è Cinzia, ho 35 anni e con la pandemia di due anni fa sono stata costretta a cercare un nuovo lavoro. Ho scoperto la mia passione per la cronaca e il giornalismo, perciò metto in frutto quello che so e lo condivido qui con voi! Vivo a Genova e sono appassionata di vela e cruciverba.
RELATED ARTICLES

Most Popular