HomeEconomiaViaggi e consumi sotto tono durante la 'Settimana d'Oro' in Cina

Viaggi e consumi sotto tono durante la ‘Settimana d’Oro’ in Cina

La famosa “Settimana d’oro” cinese, una settimana di festività nazionali, si è conclusa quest’anno in modo deludente, con dati di viaggio e spesa che indicano una ripresa economica più debole del previsto in un contesto di generale rallentamento.

Durante gli otto giorni che hanno portato al 6 ottobre, sono state effettuate complessivamente 826 milioni di viaggi in Cina continentale, un aumento del 4,1% rispetto al periodo comparabile del 2019, prima della pandemia. Tuttavia, questi numeri sono molto al di sotto delle previsioni governative, che stimavano 896 milioni di viaggi interni e spese turistiche per 782,5 miliardi di yuan (circa 107 miliardi di dollari).

Anche i viaggi da e verso la Cina continentale non hanno rispettato le aspettative. In media, 1,48 milioni di persone hanno attraversato il confine ogni giorno durante la Golden Week, rappresentando solo l’85,1% del volume registrato nel 2019.

Tali dati “suggeriscono un rallentamento nella ripresa dei servizi”, come hanno evidenziato gli analisti di Goldman Sachs. Tuttavia, hanno anche sottolineato che la ripresa è ancora in corso, indicando la necessità di ulteriori politiche di stimolo per favorire i consumi e i servizi.

Settimana d’oro e rallentamento dell’economia

Tornando alla “Golden Week”, è interessante notare come due nuove tendenze abbiano preso piede tra i giovani viaggiatori: un tipo di “turismo inverso” verso destinazioni meno conosciute e l’esplorazione di luoghi come i mercati degli agricoltori durante le “passeggiate cittadine”. Queste tendenze indicano che i viaggiatori cercano esperienze di alta qualità invece del tradizionale turismo di massa.

Tuttavia, nonostante queste nuove tendenze, il settore dell’intrattenimento ha registrato una diminuzione. Le vendite al botteghino durante la settimana di festa hanno raggiunto solo 2,7 miliardi di yuan (circa 370 milioni di dollari), in calo del 39% rispetto al 2019.

In conclusione, la Golden Week di quest’anno ha evidenziato le sfide che la Cina sta affrontando nella sua ripresa economica. Nonostante segnali positivi come l’adattamento dei consumatori a nuove tendenze di viaggio, è evidente che la strada verso una piena ripresa sarà lunga e complessa.

Quali le prospettive future

La “Settimana d’Oro” è sempre stata vista come un barometro dell’economia cinese, riflettendo la fiducia dei consumatori e la salute generale dell’economia. Quest’anno, tuttavia, ha mostrato chiaramente che la Cina sta affrontando sfide economiche senza precedenti. Mentre il governo cinese ha adottato misure per stimolare l’economia e incoraggiare i consumi, la risposta non è stata all’altezza delle aspettative.

Molti esperti ritengono che la Cina debba diversificare la sua economia, riducendo la dipendenza dalle esportazioni e promuovendo la domanda interna. La “Settimana d’Oro” potrebbe aver perso parte del suo splendore, ma rimane un momento cruciale per valutare la direzione in cui si sta muovendo l’economia cinese. Le aziende, sia nazionali che internazionali, osservano attentamente questi dati per pianificare le loro strategie future.

Inoltre, la crescente classe media cinese, con il suo potere d’acquisto, rimane una forza da non sottovalutare. Sebbene la “Settimana d’Oro” di quest’anno non abbia raggiunto le aspettative, la capacità della Cina di adattarsi e innovare potrebbe sorprendere il mondo nei prossimi anni.

Cinzia Lo Bianco
Cinzia Lo Bianco
Il mio nome è Cinzia, ho 35 anni e con la pandemia di due anni fa sono stata costretta a cercare un nuovo lavoro. Ho scoperto la mia passione per la cronaca e il giornalismo, perciò metto in frutto quello che so e lo condivido qui con voi! Vivo a Genova e sono appassionata di vela e cruciverba.
RELATED ARTICLES

Most Popular