HomeEconomiaSvelate le città dove vivere costa una fortuna: la classifica 2023!

Svelate le città dove vivere costa una fortuna: la classifica 2023!

Il nuovo rapporto del Worldwide Cost of Living, redatto dall’Economist Intelligence Unit, ci fornisce un’analisi completa ed illuminante sulla situazione economica delle città di tutto il mondo nel 2023. Questo studio, basato su un vasto insieme di dati, ci offre una panoramica dettagliata su come l’inflazione e i cambiamenti globali stiano influenzando il costo della vita urbana e le sfide che ne derivano per i cittadini e i decisori politici.

Il rapporto di quest’anno mette in luce una tendenza interessante: sebbene l’inflazione sia leggermente diminuita rispetto al 2022, continua a avere un impatto significativo, soprattutto sul costo dei generi alimentari. Le città che si trovano in cima alla lista delle città più costose al mondo sono la prova di questa realtà. Singapore e Zurigo si contendono il primo posto, con Zurigo che sale notevolmente dalla sesta posizione dello scorso anno, un cambiamento che riflette sia la forza del franco svizzero che l’aumento dei prezzi dei beni di consumo e dei servizi ricreativi. Singapore, d’altra parte, evidenzia costi elevati nei settori dei trasporti e dell’abbigliamento.

Altre importanti città si trovano in posizioni significative: New York e Ginevra si classificano al terzo posto, Hong Kong al quinto, seguita da Los Angeles e Parigi al sesto e settimo posto rispettivamente. La presenza di Tel Aviv e Copenhagen all’ottavo posto sottolinea l’ampio impatto dell’inflazione a livello globale. San Francisco completa la top 10, rappresentando un altro esempio dell’aumento del costo della vita nelle grandi città.

Una sorpresa notevole proviene dall’analisi di alcune città che hanno registrato un drastico calo nella classifica. Mosca e San Pietroburgo hanno subito una diminuzione del valore del rublo e delle tensioni geopolitiche, che hanno portato a un crollo significativo nella loro posizione. Allo stesso modo, il rallentamento della ripresa post-pandemica ha causato un calo nelle posizioni delle città cinesi come Pechino.

Al contrario, Damasco in Siria è stata designata come la città più economica al mondo, seguita da Teheran e Tripoli. Queste posizioni evidenziano le forti disuguaglianze economiche a livello globale e riflettono le sfide uniche che i residenti di queste aree devono affrontare.

Oltre a queste classifiche, il rapporto offre un’analisi delle tendenze regionali. Ad esempio, nelle città degli Stati Uniti, i costi più elevati riguardano settori come le utenze, l’assistenza domestica e il tabacco, mentre nelle città europee occidentali spiccano i costi elevati dei trasporti e dei beni per la casa.

Inoltre, il rapporto analizza il ruolo delle politiche monetarie e delle dinamiche di mercato nell’orientare queste classifiche. L’aumento dei tassi di interesse e il rallentamento della crescita economica sono fattori che influenzano direttamente il costo della vita, soprattutto nelle grandi città globalizzate. Questo fenomeno si riflette anche nell’importanza crescente di fattori come la sostenibilità e la resilienza economica nelle politiche urbane.

Mentre alcune metropoli si trovano ad affrontare sfide senza precedenti per mantenere la loro attrattività e vivibilità, altre stanno scoprendo opportunità per reinventarsi e adattarsi a queste nuove realtà economiche.

Matteo Orilandi
Matteo Orilandi
Mi chiamo Matteo, sono del 1974 e la musica è il centro della mia vita. Mi occupo principalmente di traduzione e interpretariato, ma nel tempo libero mi piace tantissimo seguire il mondo dello spettacolo e dello sport. Vivo a Roma, in compagnia della mia partner e del nostro gatto Romeo!
RELATED ARTICLES

Most Popular