HomeEconomiaS&P Global Rivela le Carte: Cosa Riserva il 2024 per l'Economia Italiana

S&P Global Rivela le Carte: Cosa Riserva il 2024 per l’Economia Italiana

Nel contesto economico attuale, ci si avvicina al 2024 con un misto di cautela e speranza. L’economia italiana si presenta in una fase di transizione, con una luce di resilienza che si intravede all’orizzonte. Sylvain Broyer, il capo economista per la regione EMEA di S&P Global Ratings Italy, ha delineato una visione per l’anno a venire che si discosta leggermente dal grigiore che avvolge talune proiezioni economiche europee.

Durante la conferenza annuale sulla previsione economica, Broyer ha illustrato una prospettiva in cui l’Italia supera di un passo la Germania con una crescita del Prodotto Interno Lordo (PIL) dello 0,6%, un leggero vantaggio rispetto al 0,5% tedesco. Questa previsione non emerge dal nulla; è il frutto di una serie di dinamiche economiche che sono in gioco.

Un tale ottimismo per l’Italia si basa su una disinflazione più marcata rispetto ai vicini dell’Eurozona, con aspettative che tale trend continui nel corso dell’anno. La deflazione è un fenomeno che può avere risvolti positivi sulla crescita economica, in quanto alimenta il potere d’acquisto dei consumatori e riduce il costo del debito per lo Stato.

L’analista ha evidenziato che un altro pilastro di questa crescita prevista è il salubre stato del mercato del lavoro italiano, con un miglioramento strutturale e salari reali in ascesa. Questi fattori, combinati, possono dare una spinta alla domanda interna e, di conseguenza, alla crescita economica.

Investimenti pubblici robusti e mirati vengono segnalati da Broyer come elemento chiave per sostenere la crescita nel breve e medio termine. Questo è un segnale che l’intervento statale, in qualche misura, continuerà a giocare un ruolo importante nel plasmare il contesto economico italiano.

Interessante è la previsione di Broyer sull’andamento dello spread, che dovrebbe rimanere stabile intorno al 4,7% per il rendimento medio del BTP decennale. Questo dato riflette una fiducia nei fondamentali economici del Paese, che sembrano aver guadagnato terreno rispetto alla Germania, dove la crescita stenta a riprendere il ritmo degli anni pre-crisi.

Sul fronte bancario e immobiliare, l’Italia si presenta con un sistema più stabile e resiliente, cambiando drasticamente scenario rispetto a dieci anni fa. Questo potrebbe rivelarsi un fattore di grande importanza, data la centralità dei due settori per l’economia nazionale.

Per quanto riguarda le imprese, Renato Panichi di S&P Global Ratings ha delineato un quadro di relativa stabilità, nonostante tassi di interesse elevati e rischi geopolitici incombenti. Quattro quinti delle imprese italiane godono di un outlook stabile, e questo è un segnale di robustezza in un periodo di incerte condizioni economiche.

Panichi ha inoltre sottolineato come l’Italia mostri una percentuale di prospettive negative inferiore alla media europea, con un leggero miglioramento rispetto all’anno precedente. Per quanto riguarda il settore dei servizi, vi è stata una resilienza notevole, con un turismo in ripresa che spicca nella produzione dei servizi.

Infine, Mirko Sanna, director delle istituzioni finanziarie di S&P Global Ratings, ha offerto un quadro rassicurante sulle banche italiane, meno esposte al rischio di credito e meglio attrezzate per fronteggiare vari scenari economici. Sebbene ci sia attesa per un aumento dei tassi di deterioramento, la situazione è considerata gestibile e la redditività del settore bancario si prevede sostenuta per l’anno a venire.

In sintesi, l’Italia si appresta ad affrontare il 2024 con una proiezione di crescita modesta, ma significativa in un contesto europeo di incertezza. Il miglioramento dei fondamentali economici, la resilienza del comparto bancario e la stabilità delle imprese sono indici che potrebbero consentire all’economia italiana di navigare le acque turbolente con una rotta più sicura e determinata.

Arturo Bastarelli
Arturo Bastarelli
Mi occupo principalmente di automobili e del settore automotive, con particolare attenzione ai temi della sostenibilità e dell'innovazione tecnologica. Vedremo insieme tutte le novità del mercato, i modelli più interessanti e tante altre notizie.
RELATED ARTICLES

Most Popular